Decrease font sizeReset font sizeIncrease font size
  • Facebook: pages/Cassino-Italy/Museo-Historiale-di-Cassino/121390987911085
  • YouTube: museohistoriale
Museo HistorialeMuseo HistorialeMuseo HistorialeMuseo HistorialeMuseo Historiale
Lunedì 26 Giugno 2017
ItalianoEnglishPolish (Poland)DeutschFrançais

27 Gennaio il Giorno della Memoria

E-mail Stampa PDF

"Giorno della Memoria" in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici nei campi nazisti.

La prima pattuglia russa giunse in vista del campo verso il mezzogiorno del 27 gennaio 1945. Fummo Charles ed io i primi a scorgerla (...). Erano quattro giovani soldati a cavallo, che procedevano guardinghi, coi mitragliatori imbracciati, lungo la strada che limitava il campo. Quando giunsero ai reticolati, sostarono a guardare, scambiandosi parole brevi e timide, e volgendo sguardi legati da uno strano imbarazzo sui cadaveri scomposti, sulle baracche sconquassate, e su noi pochi vivi (...). Non salutavano, non sorridevano, apparivano oppressi, oltre che da pietà, da un confuso ritegno, che sigillava le loro bocche, e avvinceva i loro occhi allo scenario funereo. Era la stessa vergogna a noi ben nota, quella che ci sommergeva dopo le selezioni, ed ogni volta che ci toccava assistere o sottostare a un oltraggio: la vergogna che i tedeschi non conobbero, quella che il giusto prova davanti alla colpa commessa da altrui, e gli rimorde che esista, che sia stata introdotta irrevocabilmente nel mondo delle cose che esistono, e che la sua volontà buona sia stata nulla , e non abbia valso a difesa.
[Da Primo Levi, La tregua, ora in Idem, Opere, Einaudi, Torino 1997, vol. I,pp. 205-206]

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza istituita nel 2000 come giornata in commemorazione delle vittime del nazionalsocialismo. La scelta della data, 27 gennaio, ricorda quello stesso giorno di 66 anni fa quando la 60 armata del primo fronte ucraino, in marcia verso Berlino, abbatté il cancello di Auschwitz e svelò al mondo gli orrori del genocidio nazista.

Il 27 gennaio non è una data come tutte le altre, non è un giorno da cerimonie formali, il 27 gennaio deve essere un momento di racconto e riflessione, bisogna far capire ai giovani gli orrori di quel periodo in modo da far apprezzare la libertà di cui godono oggi.

Il giorno della memoria serve quindi a far si che la memoria non venga mai seppellita e per far comprendere l'inutilità delle persecuzioni e della guerra.

Per gli stessi motivi è stato realizzato il Museo Historiale di Cassino, un percorso didattico per raccontare la storia con i mezzi di comunicazione dei ragazzi in modo che toccando con mano la storia i giovani si appassionino alla storia e capendo quanto accaduto diventino ambasciatori di pace.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 26 Gennaio 2011 23:20  


Powered by Prima Posizione Srl